Golf covid viaggiare

Il golf ai tempi del Covid: tutti i consigli per giocare e viaggiare in tranquillità

 

Indice dei contenuti

  1. Le linee guida nei campi da golf

  2. Viaggiare in sicurezza ai tempi del Covid: ecco come fare

  3. Coronavirus e viaggi: quali sono le destinazioni più sicure?

 

Finalmente si torna a viaggiare, e ancora una volta stiamo pensando a quanto siamo fortunati noi golf lovers. Il golf è stato infatti considerato, grazie alle distanze e agli ampi spazi a disposizione, tra gli sport più sicuri da praticare insieme al tennis e agli sport equestri.

Una volta tolta la mascherina e concentrati sul gioco, dimenticherete finalmente per qualche ora lockdown e pandemia. È importante, però, seguire sempre le linee guida sui comportamenti da tenere in campo e in club house. Vi riassumiamo di seguito le principali.

 

Le linee guida nei campi da golf

  • Arrivate già pronti, in quanto molti circoli hanno ancora gli spogliatoi non agibili;
  • Indossate la mascherina nei luoghi chiusi (segreteria e club house pro shop);

  • Seguite le regole indicate a seconda del campo (le più frequenti sono non legate al non usare rastrelli in campo e non toccare bandiere) e igienizzate spesso le mani. È comprovato che, tra le altre cose, si riesca in questo modo a migliorare anche il grip :)

 

Viaggiare in sicurezza ai tempi del Covid: ecco come fare

Viaggiare ai tempi del Covid-19 in sicurezza si può, e di certo ne abbiamo tutti voglia dopo il lungo lockdown che ci ha costretti a rimanere a casa per settimane. Non abbiate paura: in questi mesi molte destinazioni si sono preparate ad accogliervi in sicurezza. Basta essere attenti e seguire alcune semplici istruzioni:

1) Rivolgetevi ad un professionista

Oggi più che mai la scelta migliore è di affidarsi ad un professionista, meglio se - come noi - ha impiegato il tempo di questi mesi a formarsi su come farvi viaggiare in sicurezza, stipulando accordi con i migliori resort per creare pacchetti golf-inclusive da proporvi questa estate.

Di questi tempi, infatti, avere a che fare con compagnie aree e tour operator è decisamente complicato. La maggior parte delle compagnie aeree, ad esempio - anche le più importanti -, non hanno tenuto a mio parere un rapporto sempre etico con i clienti, a livello di rimborsi ed assistenza.

Pur essendo chiara l’emergenza dei primi mesi, e ammesso che il voucher è uno strumento necessario per il settore del turismo, quelle che non posso condividere sono alcune scelte portate avanti nelle ultime settimane da compagnie aeree e tour operator, i quali - forti della normativa che gli consentiva di emettere i voucher - hanno venduto centinaia di migliaia di biglietti aerei pur consapevoli che quei voli non sarebbero mai partiti, incassando così dai clienti per poi cancellare pochi giorni prima emettendo voucher anziché rimborsare.

Molto bene lo sanno le migliaia di persone che hanno provato a mettersi in contatto con le compagnie aeree in questi mesi, e che, nonostante interminabili e costose attese, si sono sentite rifiutare i rimborsi o l’assistenza sui voli cancellati.

Ecco perché, nel caso in cui vi rivolgiate ad un professionista, saprete di avere le spalle coperte in situazioni come queste, poiché sarà lui ad occuparsi di risolvere eventuali difficoltà.

In più, avrete la certezza di farvi consigliare al meglio sulle destinazioni e i resort che si sono attrezzati con disposizione anti-Covid certificate. Scelta molto importante da sempre, quindi, ma in questo momento ancora di più .

2) Stipulate un'assicurazione

Quasi tutte le compagnie assicurative si sono adeguate ai tempi inserendo coperture per pandemia ed eventuali spese in caso di isolamente fiduciario o ricovero per Covid.

3) Seguite in viaggio tutti gli accorgimenti

In aeroporto e in aereo tenete sempre la mascherina, state attenti a mantenere le distanze di sicurezza, disinfettate e lavate spesso le mani. Sono ancora questi, infatti, gli accorgimenti migliori per evitare la diffusione del Covid-19.

Inoltre è consigliabile:

  • noleggiare un’auto o un trasferimento privato

  • evitare i buffet (che, al momento, in Italia sono vietati)

  • preferire resort con servizi al tavolo (fatevene assegnare uno per tutta la durata del soggiorno, e fate lo stesso con l’ombrellone).

 

Covid-Golf-viaggiare-sicurezza

 

Coronavirus e viaggi: quali sono le destinazioni più sicure?

Come abbiamo scritto prima, è oggi possibile, in generale, viaggiare in sicurezza, ma è vero che, al momento, alcune destinazioni sono certamente più indicate di altre. Qui sotto abbiamo raccolto le mete attualmente più sicure, sia in Italia che all’estero.

 

Viaggiare in Italia ai tempi del Covid

I pochi casi delle ultime settimane e il lungo lockdown ci hanno permesso di essere tra le destinazioni attualmente più sicure. Tutti i campi da golf hanno riaperto in sicurezza adeguandosi al protocollo stilato dalla FIG. Non vi resta quindi che scegliere tra mare o montagna e se preferite muovervi in auto o in aereo.

Bormio

Visto il caldo di questi giorni e l’ottima gestione, vi consiglio il golf club di Bormio, di cui abbiamo messo online un pacchetto esclusivo.

Sardegna

Se preferite il mare, l’Is Molas Golf Club di Cagliari è pronto a ricevervi con ben 27 buche a disposizione. Sempre in Sardegna, se preferite una meta lontani da tutto e da tutti, Is Arenas ad Oristano è il posto fatto per voi.

Puglia e Sicilia

Per i “viziati“ del genere consigliamo la Puglia con Borgo Egnazia e il favoloso campo 18 buche San Domenico, o il Verdura Resort in Sicilia sede di una tappa dello European Tour del 2017.

Toscana ed Emilia

Se volete muovervi in macchina da Milano vi consigliamo la Toscana con il Punta Ala o se preferite farvi coccolare in uno dei più grandi centri termali d’Europa Galzignano Terme SPA & Golf è la vostra destinazione. Se invece non potete rinunciare alla piadina e alla movida romagnola, l’Adriatic Golf Club di Cervia è pronto ad ospitarvi.

 

Viaggiare all’estero ai tempi del Covid

Essendo orgogliosi membri IAGTO (associazione di tour operator, golf club hotel e servizi dedicati al mondo del turismo golfistico) riusciamo a monitorare costantemente la situazione dei vari club e resort di tutto il mondo con continui aggiornamenti. Ecco, quindi, le destinazioni europee che ci sentiamo di consigliarvi al momento.

Turchia

Il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica di Turchia è pronto dal primo luglio ad accogliere i turisti italiani. Sueno Hotels Golf Belek e Sueno Hotels Deluxe Belek sono state le prime struttura alberghiere a ricevere il nuovo certificato di turismo sanitario Covid-19, conferito ai resort che si distinguono per l’attenzione alla sicurezza degli ospiti e per le misure adottate contro la diffusione del nuovo coronavirus.

Svizzera

A partire dal 15 giugno, i confini svizzeri sono di nuovo aperti a tutti i cittadini e legalmente residenti negli Stati membri Schengen/UE/EFTA.

Spagna, Baleari e Canarie

Dal primo luglio la Spagna e i suoi campi da golf sono pronti a accogliere i turisti provenienti da UE, così come anche le Canarie, dal momento che la comunità golfistica dell'arcipelago ha messo i corsi (aperti 365 giorni l’anno grazie alle condizioni miti dell’arcipelago) in linea con le nuove misure di sicurezza.

Dei quattordici campi da golf disponibili per i turisti, tutti con vista mozzafiato sull'Oceano Atlantico o sui paesaggi vulcanici delle Isole Canarie,  Tecina - sull’isola di Gomera - è stato il primo a riaprire.

Proprio le Canarie, tra l’altro, sono una delle parti del mondo che ha resistito meglio alla crisi sanitaria, grazie ai bassi tassi di contagio (solo lo 0,001% di casi per 100.000 abitanti).

 

Golf-Covid-viaggiare-spagna

 

Bulgaria

Tutti i campi da golf in Bulgaria sono già aperti e ricettivi, mentre gli hotel e i ristoranti hanno implementato ulteriori misure seguendo le normative delle autorità sanitarie locali. La Bulgaria è riuscita a mantenere relativamente bassi i casi di coronavirus, e lo stato di emergenza è scaduto il 13 maggio. Da quel momento, gli hotel hanno iniziato ad aprirsi progressivamente.

Francia

Secondo un aggiornamento di France Destination Golf, tutti i campi da golf (inclusi i professionisti) in Francia, sono stati riaperti ai membri e ai visitatori nelle ultime due settimane. Sono ammesse quattro palle. La maggior parte dei ristoranti offrirà i propri servizi anche ai golfisti in loco.

Portogallo

Il marchio Clean & Safe è stato creato da Turismo de Portugal per riconoscere le aziende che adottano rigorose misure di salute e sicurezza che mitigano il rischio di contagio di Covid-19 per clienti e personale del settore dei viaggi.

Il marchio è stato introdotto per la prima volta per alloggi turistici, ma da allora è stato adattato per agenzie di viaggio, fornitori di attività turistiche, ristoranti, aree di servizio camper, fornitori di alloggi locali, compagnie di noleggio auto, guide turistiche ufficiali e, questa settimana, ai campi da golf.

 

Golf-Covid-viaggiare- Algarve


In conclusione, noi di Golf Tour Experience abbiamo tutte le informazioni, resort per resort, con tutte le misure adottate. Scriveteci per maggiori info!